Endo-vita di Luigi Hybrid Pane

Note, quasi sintetiche,

s’infilano di forza sotto la pelle.

E’ eroina, fa male.

Questa scala mia fa male

come fossi una vergine.

 Ascolto questa prima canzone,

e soffro. Ma un po’ ci godo.

Chiudo gli occhi, per un’istante:

 

senza vedere, posso guardare,

così come senza volere, posso ottenere.

 

Non siamo nulla, ed è bene.

Siamo fatti della stessa sostanza, tutti.

 

E quando gli ultimi secondi della strofa finale

scorrono, mi ci aggrappo.

Lotto con tutte le mie forze,

ripercorro il nastro al contrario.

Ma alla fine scivolo, e la musica mi trascina

via dallo schermo dell’oscilloscopio.

Sono un vecchio che impara la vita,

ma solo nell’ultimo respiro.

 

Fading.

  

Luigi Hybrid Pane

Published in: on gennaio 22, 2012 at 9:23 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://lilithf.wordpress.com/2012/01/22/endo-vita-di-luigi-hybrid-pane/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: