La Cicogna Jazira

C’era una volta fra i rami del bellissimo Albero delle Meraviglie posto nel cuore di Regno Lontano, il nido di una splendida cicogna dagli occhi viola di nome Jazira.

Creatura leggiadra e superba era lei, col suo volo a portare nel creato il dolce annuncio della vita e col suo canto a riempire di gioia il cielo.

Animo romantico, vestito di rugiada e di terra, spirito sensibile ed eclettico, capace col suo tocco di irradiare la  luce.

Ma un giorno, il bell’uccello, intento a ridipingere col suo manto di colori il creato, portando tutt’intorno i suoi delicati nastri dalle tinte pastello, accorgendosi di botto di non riuscire più ad aprire le sue ali e spiccare il volo come sempre, sgranando gli occhi stranito, col cuore in tumulto, si recò subito a grandi falcate verso la Torre  Alta, al cui interno dimorava lo Spirito della Saggezza, per chiedere delucidazioni a lui, a cui nulla era ignoto.

“Non riesci più ad aprire le tue ali …” bofonchiò Colui il Quale, il vecchio Spirito della Torre, vestito di niente, a cui tutti chiedevano consiglio in caso di difficoltà; carezzando con fare distratto il grosso volume rilegato ricoperto di polvere, posto sul Leggìo al centro della Stanza, al cui interno erano scritte la pagine più importanti della cultura mistica di tutti i tempi.

“Non riesci più ad aprirle …” ripetè massaggiandosi la lunga barba canuta, sospirando “Dimmi Jazira, per caso il tuo cuore ha subìto un grave dolore ultimamente?”

A quella domanda la cicogna  chinando il capo storse il becco  contrito “Si, saggio Spirito. Giorni fa il mio cuore ha patito una grande sofferenza, che porto ancora tuttora nel mio petto! Ma questo cosa c’entra con le mie ali?”

Tossicchiando il vecchio assentì schiarendosi la voce “E’ stato questo a farti perdere le tue ali, ed il tuo festoso volo, cara cicogna! Ecco cosa è stato!”

E spalancando il becco a quella risposta, la creatura sbarrò lo sguardo spaurito “E adesso come devo fare per ritrovare le mie ali?”

“Devi cercarle dentro di te!” gli rispose pacato Colui il Quale, spirito maestro, facendo spallucce prima di sparire sotto i suoi occhi insieme alla propria Torre.

E Jazira  rimasta sola, afflitta a quelle parole, sedendo su di un sasso, avvinta, prese a meditare.

Quando d’improvviso un urlo disperato la fece balzare di soprassalto: dinanzi ai suoi occhi una splendida carpa dal manto d’argento si dibatteva disperata, intrappolata in una rete tagliente,   incapace di riprendere il largo, ferendosi ad ogni movimento, ormai preda del pescatore che a bordo della sua barca aveva gettato aveva posto lì nel suo lago la sua trappola, e la stava lentamente tirando a sé.  

A quella scena l’uccello, percependo il proprio cuore battere all’impazzata, levandosi di colpo dalla pietra, saltò a pelo d’acqua, librandosi fulminea sui flutti, lieve  e delicata, e senza porre tempo in mezzo, utilizzando il suo affilato becco, esortando   la creatura alla calma la liberò dall’esca, e  battendo l’Uomo sul colpo, sciogliendo l’intricato dedalo di spire che lo teneva prigioniero, liberandolo in un sol lampo, tenendolo delicatamente nel suo becco lo portò in salvo.

E adagiato il pesce nel letto del fiume ormai al sicuro, lo stupore di lei fu enorme, nello scoprire le sue ali aperte, forti e leggere. 

E ridendo sbalordita a quella scoperta – comprendendo ciò che era successo – scosse il capo felice: e da allora le sue ali non si richiusero mai più.

                                                                  Monica Fiorentino

Published in: on luglio 2, 2010 at 5:00 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://lilithf.wordpress.com/2010/07/02/la-cicogna-jazira/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: