Alice senza più meraviglie – Raccolta di poesie haiku

Dietro i vetri

poesia di primavera.

– Il glicine in fiore

                                  Nei tuoi occhi.

                                  Alice senza più meraviglie.

                                  Il mio cuore.

I tuoi baci.

Sulle scale del porto.

– Ricordi passati

                                  Turbina

                                  il tuo silenzio.

                                 – Pensiero

Cade il velo

del cuore: i tuoi occhi blu

già mi bastano

                              – Angelo di cera.

                              Petali di candide rose.

                              Il tuo pianto.

Una farfalla

sul bianco marmo.

E’ colore

 

HAIKU

L’haiku vede la sua diffusione in Giappone nel XVI secolo.

Forma poetica dalla struttura molto semplice: l’haiku è formato da diciassette sillabe, suddivise nella catena 5-7-5; il cui significato profondo richiede una lettura attenta e interiore adatta a scoprirne la “profondità misteriosa”.
“Simile ad un attimo di vita che diventa verso: questo è l’haiku”

In Occidente lo haiku trova la sua espressione anche nella metrica cosiddetta “all’occidentale” formata da sette, undici e ancora sette sillabe .   
Capace di toccare le corde più nascoste del cuore umano, di incantare con i suoi tre versi senza alcun titolo, ma pieni di una vita inimmaginabile, è con la sua semplicità che l’haiku cattura, il suo essere estraneo a fronzoli e orpelli che coinvolge e fa sognare ad occhi aperti, portando il lettore con la potenza delle sue immagini nude di ogni artificio, ad una dimensione totalmente aulica, eterea, sospesa fra il sogno e la realtà, pregna di un’atmosfera ovattata.

Magia che per essere raccontata non ha bisogno d’altro che di tre semplici versi, perché la vera poesia si esprime con la capacità di osservare il mondo con l’innocenza degli occhi di un bambino, riuscendo a stupirsi della sua immensità, nella contemplazione delle piccole cose.
“Ogni cosa piccola è bella” scriveva Shonagon ed è di questa teoria che l’haiku si nutre.

Published in: on aprile 22, 2010 at 9:54 am  Comments (4)  
Tags: , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://lilithf.wordpress.com/2010/04/22/alice-senza-piu-meraviglie-raccolta-di-poesie-haiku/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Ho letto i tuoi versi nella raccolta della Città di Montegrotto Terme…mi hai veramente emozionata!
    Grazie per quello che scrivi.
    Una abbraccio e buone feste.

    • Grazie infinite …di tutto cuore … Auguri

  2. Mi sono avvicinata da poco alla poesia Haiku e guardo già il mondo con un cuiore nuovo

  3. Si … scoprirai che questa è la prima Meraviglia che lo haiku regala a chi lo ama …


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: