Tsuru. La fiaba della gru

La fiaba giapponese della gru (tsuru) è fra le più note all’estero.

Il titolo consueto di questo mukashibanashi è Tsuru no ongaeshi (La gratitudine della gru), spesso tradotto come La gru riconoscente oppure L’uccello riconoscente.

La parola ongaeshi significa “ripagare un debito”, ed è composta da on (favore, debito) e il verbo kaesu (restituire).

Ricordiamo allora la storia della gru riconoscente :

Un giovane uomo molto povero vive in una capanna da solo. Mentre torna a casa durante un giorno d’inverno, sente uno strano rumore.

Una gru ferita si dibatte nella neve con l’ala trafitta da una freccia. Compassionevole l’uomo si avvicina e la soccorre.

Estratta la freccia lascia libera la gru che spicca il volo e si allontana all’orizzonte.

L’uomo rientra in casa e dimentica la vicenda. La sera qualcuno bussa alla porta. 

Si tratta di una bella fanciulla che si è persa e chiede ospitalità.

Anche il giorno seguente la ragazza chiede di restare, e così anche il terzo giorno. 

Infine l’uomo sedotto da tanta bellezza chiede alla fanciulla di sposarlo, ed ella accetta immediatamente. Nonostante siano poveri essi vivono felicemente. 

Però l’inverno è lungo e freddo, e non hanno nemmeno i soldi per mangiare.

Un giorno la sposa decide di tessere per guadagnare del denaro. Si chiude in camera col telaio e avverte il marito di non entrare e non guardare assolutamente nella camera prima che la stoffa sia finita.

In tre giorni completa un tessuto di qualità finissima che vende in città a un buon prezzo. 

Il marito ha bisogno però di altri soldi. Così la moglie si chiude in camera per lavorare. 

Purtroppo l’uomo infrange la promessa e per curiosità la spia.

All’interno della stanza c’è una gru che tesse la stoffa usando le sue piume. 

L’uccello si accorge della sua presenza e si trasforma nella moglie. Ella è la gru salvata nella neve che per gratitudine è diventata sua moglie. Adesso che è stata scoperta deve andare via.
Un aspetto della fiaba della gru è tipicamente giapponese ed è lo stesso che si trova in altre fiabe, ad esempio Urashima, cioè il rispetto del mistero. La morale è che non si deve distruggere l’incanto della bellezza con la curiosità e il desiderio di sapere ad ogni costo.

Questo concetto è spiegato dal romanziera Tanizaki Jun’ichirou nel Libro d’ombra, ed è in principio molto presente, ancora oggi, nell’arte giapponese. 

Secondo Tanizaki tutta la sensibilità ed espressività giapponese nasce nell’ombra, ossia nel nascondere. Infrangere il mistero equivale a violare il più sacro e fondamentale dei valori giapponesi: la bellezza. Infatti i giapponesi hanno elevato a etica l’estetica in una maniera che non ha paragoni in altre civiltà.

La gru (tsuru) ha anche un significato taumaturgico. Secondo la leggenda la gru vivrebbe fino a mille anni, perciò fabbricare una gru con la carta è augurio di lunga vita. Quando una persona è ammalata si realizzano mille gru con l’arte dell’origami per garantire la pronta guarigione. 

Lo stesso valore taumaturgico è riscontrabile nella fiaba dove il lavoro della gru allontana lo spettro della fame e della malattia.

Al solito si riscopre che la fiaba è un condensato di valori di una civiltà. Perciò raccontare le fiabe ai bambini ha uno scopo formativo insostituibile indicando con un linguaggio semplice e metaforico com’è fatto il mondo sociale che abbiamo costruito.

di Cristiano Martorella

Published in: on gennaio 8, 2010 at 6:39 pm  Comments (8)  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://lilithf.wordpress.com/2010/01/08/tsuru-la-fiaba-della-gru/trackback/

RSS feed for comments on this post.

8 commentiLascia un commento

  1. Domo arigato gozaimashta!
    Marco/MilleOrienti

  2. Grazie infinite a te!!🙂

  3. è molto bella questa storia…… non fermarti mai…

  4. La fiaba della gru riconoscente narrata dal nipponista Cristiano Martorella, in questa sua versione molto fedele all’originale, è davvero molto bella. Cristiano Martorella ha anche aggiunto, come è sua consuetudine, interessanti riflessioni che permettono di comprendere meglio il contesto dell’opera e la cultura giapponese.
    Grazie per averla riproposta in questo sito.

  5. Questa versione della fiaba della gru, scritta dal noto nipponista Cristiano Martorella, mi è piaciuta molto. Complimenti per l’ottima scelta.

  6. Avevo letto molti articoli di Cristiano Martorella dedicati alle fiabe giapponesi, in particolare quelli pubblicati dalla rivista LG Argomenti, ma questo mi era sfuggito! Vi sono grato per averlo segnalato e riproposto in questo spazio.
    Ho apprezzato molto la citazione di Junichiro Tanizaki, uno scrittore che adoro, e la ritengo molto opportuna per capire la cultura giapponese.
    Saluti a tutti gli appassionati del Giappone!

  7. La bellezza di questa fiaba è la sua eleganza, il gusto sofisticato, il mistero celato nell’arcano. Il fascino non deve essere svelato perché altrimenti viene distrutto. Questo insegnamento ci spiega che cosa sia la seduzione secondo i giapponesi.
    Davvero molto bella questa storia.

    • Grazie infinite per il passaggio a questo mio blog!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: